Albert Scotty
Il nuovo disco del grande Andrea Tich, dal titolo "Parlerò dentro te". La storia di Andrea Tich nasce da lontano, quando lascia la Sicilia per andare a fare il musicista a Milano. Qui viene preso dalla Cramps, la mitica etichetta di Gianni Sassi, che pubblica il meraviglioso "Masturbati", un disco che non può assolutamente mancare nella collezione di ogni appassionato di cantautorato deviante. Il disco è stato prodotto da Claudio Rocchi. Poi in mezzo tante cose (collaborazioni con Marsico, per esempio) fino all'approdo alla Snowdonia, l'etichetta mia e di Cinzia, e alla pubblicazione di "Siamo nati vegetali" nel 2010 e a "Una cometa di sangue" nel 2014. Andrea è un musicista purissimo, che non ha mai voluto cedere a compromessi, tanto da rifiutare un contratto major, per il quale tantissimi avrebbero fatto carte false, che l'avrebbe ingabbiato in un pop di consumo che non gli è mai interessato. Le sue canzoni sono bellissime e malinconiche e parlano delle piccole, grandi cose della vita. Nel nuovo lavoro, che vede la partecipazione de I Camillas, dell'immenso Fabio Zuffanti (una figura chiave del nostro progressive e non solo) e di tanti altri, ci sono pezzi bellissimi, come "Psichedelicapi re" (dove c'è anche la mia voce che blatera, VIGLIACCAMENTE campionata a mia insaputa), un pezzo con un violino elettrico alla Lucio Fabbri che è una bomba. Di quest'ultimo lavoro non trovo nulla da linkare e quindi vi faccio riascoltare la snowdoniana "Siamo nati vegetali". https://www.youtube.com/watch?v=hk9KBdZRRpM

ARTICOLI & RECENSIONI