Sono passati parecchi anni da quell’esordio originalissimo e provocatorio che fu “Masturbati” per la Cramps nel 1978. Nel mezzo nuovi dischi, eventi, partecipazioni, concerti e finalmente un nuovo lavoro che testimonia che la freschezza e l’urgenza non sono venute a meno. La vena cantautorale di base si accoppia a sonorità rock, elettronica, new wave, virando a volte verso il prog, altre  perdendosi in atmosfere di psichedelia moderna, reggae, blues, pop sperimentale di gusto Battiato. Distintivo e personale, ottimo disco.

ARTICOLI & RECENSIONI